Restyling della comunicazione di Forno Buresta

Un piccolo panificio nel centro storico di San Giovanni in Marignano. Piccolo, sì, ma incredibilmente famoso grazie al sapore antico del pane, ai poetici dolci secchi e alla spianata che tuona. Sì, tuona. Al suo interno si percepisce l’autenticità dei sapori di una volta, di buono, di fatto a mano e di tutte quelle cose che ci riportano indietro negli anni, come un odore, la forma di un dolce, il sapore di un biscotto. Cose così.

Tutte queste sensazioni, un po’ rustiche e un po’ farinose, ho cercato di riprodurle nel restyling del logo che, se dovessi descriverlo, userei proprio gli aggettivi rustico e farinoso.

Logo design, prima e dopo

Una sola spiga, ma più evidente, e un font bastone deciso, marcato e leggibile. Simile al mio amato Bebas Neue ma personalizzato con un effetto graffiti e un pantone tortora che evocano le mani che lavorano la farina.

Il titolare dell’attività, Diego, lo ha stampato praticamente in ogni dove: abbigliamento del personale, sacchetti, sacconi, scatole e anche su un cappellino che, non so come e non so perché, è finito sulla testa e sul profilo Instagram di Cesare Cremonini. Mi piace pensare che Cesare sia passato al Forno Buresta e abbia assaggiato la spianata che tuona. Sì, dev’essere andata così.

Progetto: restyling della comunicazione e logo design
Cliente: Forno Buresta
Direzione creativa: Davide Bertozzi
Fotografia: Elisa Parma
Anno: 2018