Copywriter freelance

Il lavoro non è tutto, il lavoro non è niente

  15 maggio 2018

“Bello fare il freelance, così lavori negli orari che ti pare”, sono anni che amici e clienti mi rivolgono queste parole, pensando, forse, che mi alzi alle 11 del mattino e che mi prenda pause e vacanze a piacimento. Ho sempre impegnato tempo ed energie a spiegare che i miei orari sono gli stessi di quelli di un normale ufficio, perché i clienti (quelli normali) mi chiamano dalle 9 alle 18, mica a mezzanotte.

Inutile dire che le ferie non sono pagate, che la tredicesima è un sogno lontano anni luce e che le ore di lavoro è meglio non contarle. Inutile e scontato. Queste ragioni mi hanno spronato a dare sempre il massimo e non fermarmi mai, e mi hanno iniettato anche un po’ di fifa, la stessa che vivono molti altri liberi professionisti. Una sorta di paura che può essere vinta solo con l’impegno, la costanza e la “presenza” sia on che offline.

Nonostante tutto me la sono sempre cavata, non è stato facile ma non posso lamentarmi di quanto fatto e ottenuto. Eppure, cavolo quanto male fa scrivere questa parola, eppure, questo mio fare, scrivere, lavorare e studiare ha dato un forte scossone alla mia vita privata. E mentre tutto intorno a me traballava e cadeva, ho capito che del personal branding, dei clienti fighi e delle esperienze gratificanti non me faccio granché se poi perdo le cose che amo davvero.

Non è una lagna sentimentale ma una riflessione sull’importanza di trovare un equilibrio tra vita personale e professionale: questi due mondi non devono collidere uno contro l’altro ma gravitare serenamente attorno a quanto di più caro abbiamo nel cuore.

Cosa me ne importa di una casa vista mare se non ci sei tu a condividere il panorama con me?
Che senso ha lavorare tanto e arrivare lontano se poi alla fine tu non sei con me?
E a che servono le entrate extra se non posso più comprarti un regalo?

Ora che è tardi per tornare indietro, la cosa migliore da fare è non sbagliare più.
Quindi sì, forse inizierò davvero a lavorare negli orari che mi pare e a ritagliare più tempo per le persone e le cose che amo.

Leggi articolo precedente:
La strada di casa

Come fanno quelli che si alzano alle 6:00 del mattino e vanno a correre? Li invidio un sacco. Davvero. E...

Chiudi